Fior di Libri

Ad ogni lettore il suo libro. Ad ogni libro il suo lettore. (Ramamrita Ranganathan)

Donato Merico, L’Onda capovolta,

“L’onda capovolta” è il secondo libro di Donato Merico, medico chirurgo, specialista in Psicologia Clinica, Psicoterapia Analitica, Omeopatia, Agopuntura e dirigente Psichiatra presso il Centro di Salute Mentale di Maglie (Le). Successivo a “Il libro della mia vita”, un’opera esperienziale che raccoglie nove Cineforum Cosmoartistici, durante i quali, attraverso altrettanti film, si ripercorrono a livello evolutivo dell’essere umano adulto, i nove mesi di vita intrauterina del feto che si prepara alla nascita, questo secondo scritto si pone invece come obiettivo quello di suscitare delle domande, spingendo a meditare sull’essenza della propria vita che, sin dal concepimento, reca in sé un “progetto esistenziale” che è poi lo scopo fondamentale per cui si nasce.

Tale riflessione circa il senso profondo dell’esistenza è indispensabile poiché, con il trascorrere degli anni, questo viene ad essere dimenticato e l’essere umano, indossata la maschera delle convenzioni sociali e del perbenismo, inizia a vivere nella “menzogna esistenziale” allo scopo di essere accettato dagli altri e, quindi, di avere un’immagine socialmente impeccabile, rassicurante e “sana”. Ma ciò conduce lentamente all’insoddisfazione personale e sociale che, in aggiunta ai problemi del mondo contemporaneo come la crisi economica, le guerre, le calamità, l’inquinamento, porta ad un conflitto spirituale che si traduce in disturbi somatici acuti e cronici di varia gravità.

Esiste un modo per salvare sé stessi? Per l’autore certamente sì ma solo attraverso un percorso che richiede coraggio, umiltà e, soprattutto, forza per affrontare il dolore che scaturirà da questo viaggio a ritroso nel tempo: dal ricordo emozionale della vita intrauterina sino, attraverso il trauma del parto, ai primi mesi di vita dei bambini che si è stati. Persino il punto in cui l’embrione umano attecchisce sta a simboleggiare la disponibilità ad accogliere di una madre ed il “centro” attorno a cui si svilupperà l’adulto, anche le modalità con cui si sono svolti il parto e l’allattamento o il tipo di legame sviluppato tra madre e figlio nei primi tempi sono elementi che permangono non nella memoria cosciente ma nell’inconscio umano, eppure rappresentano ciò che determinerà il comportamento di un individuo nelle varie fasi della sua vita, condizionandone le scelte, i rapporti con gli altri e specialmente con se stesso.

Il bambino che non è stato “ascoltato” nei suoi bisogni, poiché la madre e in seguito le altre figure di riferimento non hanno potuto, voluto o saputo farlo, ne ricava una profonda frustrazione, una ferita narcisistica che lo renderà un adulto incapace di “ascoltarsi” e di comprendere le proprie sensazioni, fino a provare una sorta di “distacco da se stesso” causa di varie forme di malessere fisico, psichico o relazionale, che lo porterà a cercare qualsiasi cosa “fuori da sé”, come: il super lavoro, i doveri famigliari, gli svaghi fatui, la religione, la politica, le dipendenze di vario tipo, per tenere a bada l’“angoscia esistenziale”. Molti giovani di oggi, ad esempio, appaiono apatici e svogliati rispetto al proprio progetto di vita e, nel migliore dei casi, vivono nel tedio senza realizzare nulla, nel peggiore si rendono protagonisti di atti vandalici, di bullismo o autolesionismo, anche perché il mondo adulto non è stato in grado di fornire loro un modello etico basato sul rispetto dell’individualità.

Lo sfogo ultimo di tale angoscia possono, quindi, essere la violenza e l’odio generalizzato. La violenza di per sé ha un suo motivo di esistere poiché, sin dall’inizio dei tempi, è stata necessaria per la salvaguardia e la difesa personale e della comunità, per il nutrimento e la conquista ma assume connotazioni negative quando diventa oltraggio alla dignità umana ed al rispetto reciproco. Anche il dolore neonatale per il desiderio insoddisfatto che può tramutarsi in odio può avere un suo senso, poiché solo il dolore permette di entrare profondamente in contatto con la propria fragilità e veramente conoscere sé stessi. Alla medesima maniera, l’ansia di fronte ad un pericolo reale o immaginato può avere un senso positivo quando non è paralizzante ma diviene una risposta reattiva ad uno stimolo, oppure la crisi quando non è solo “negativa, lacerante, depressogena” ma diviene sfida, creatività, evoluzione (“Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla” Albert Einstein).

Gli esseri umani vivono nella ricerca spasmodica di affetto e di quella fusione simbiotica con la madre, fonte di paradisiaco benessere, e quando il neonato ne viene privato prova paura e poi rabbia, diventando un adulto pronto a qualsiasi cosa, anche a modificare la propria natura per recuperare quelle attenzioni affettive ed il senso di protezione totale da cui il suo mondo perfetto era costituito. Così, si adatterà all’ambiente al punto da non riuscire più a riconoscere i propri veri bisogni, chiedendo attenzione e rivivendo ad ogni rifiuto il trauma della perdita di quella fusione neonatale totale ed appagante. A questo punto, per salvare se stesso da una sofferenza oltremodo insopportabile, si aggrapperà all’unico, potente, strumento di cui dispone: la mente che troverà per lui una pronta spiegazione razionale allo scopo di restituirgli la sicurezza perduta. Ma la mente, come si sa, “mente” e le spiegazioni cervellotiche a nulla valgono contro la paura che rimarrà inalterata, anche perché il tempo psicologico è sempre presente, inoltre, è proprio la mente il luogo da cui si genera e, nonostante si cerchi disperatamente di tenerla a bada perché destabilizzante, prima o poi un evento (un nuovo amore o un lavoro, un viaggio, un incidente, un lutto ecc.) la scatenerà come un virus.

Nei casi peggiori il dolore derivante dalla perdita affettiva di un oggetto d’amore può portare alla creazione da parte del bambino di un mondo psicotico in cui rifugiarsi e in cui ritornare da adulto in seguito ad una rottura affettiva importante, poiché, mancando i mezzi di difesa, l’antica ferita si riapre generando verso la persona oggetto d’interesse una reazione di amore contemporaneo all’odio, fino ai casi estremi della follia.

Dove e come è possibile trovare la salvezza? L’autore spiega come il primo passo sia quello di uscire da un atteggiamento vittimista che rende corresponsabili della propria sofferenza; seppure non sia possibile riscrivere la propria storia, immaginando che tutte le esigenze ed i bisogni personali siano stati soddisfatti, adesso si possiedono gli strumenti per scriverne una nuova. Questo perché “Vivere con un odio rimosso (frutto di una scelta libera dell’Io Persona) significa avvelenare la propria vita e quella degli altri, fino a quando quest’odio non è portato alla coscienza ed eliminato” (Antonio Mercurio).

Ciò conduce al passo successivo ossia l’accettazione: è necessario accettare il fatto che il proprio “io grandioso” sia stato ferito ed abbia sperimentato l’impotenza in una fase così delicata e fondante della propria vita e utilizzare tale consapevolezza per arrivare a conoscere la propria essenza, sé stessi come in-dividui, cioè non-divisi. Questo perché l’essere umano è molto più della sua mente, anzi essa rappresenta la punta di un iceberg che è il proprio sé unico ed irripetibile, il quale comprende l’inconscio ed il corpo con i suoi organi. E proprio come unione di mente, corpo e spirito l’uomo dovrebbe essere curato quando si ammala, poiché la malattia altro non è che una “disarmonia energetica” ossia un blocco nel flusso di energia che passa attraverso dei canali presenti nell’organismo umano; nonostante oggi l’uomo viva più a lungo è certo che si ammali di più e mentre si cerca di combattere la malattia attraverso l’uso smodato di farmaci, con pericolosi effetti collaterali, ecco che la medicina olistica come l’agopuntura e l’omeopatia ottengono risultati migliori proprio considerando l’uomo nella sua interezza e come realtà dinamica e mutevole, intervenendo su ciò che blocca tale flusso energetico.

Occorre superare la paura di essere completamente sé stessi amando la “controfigura” che l’ha sperimentata ed è stata costretta a difendersi con l’orgoglio, il narcisismo, l’invidia, il rancore, i sensi di colpa e così via sino, nei casi peggiori, al sadomasochismo. Nulla costringe più l’adulto alla dipendenza ed al condizionamento da parte di un padre o di una madre né dal conformismo sociale ma è possibile, finalmente, consolare quel bambino incompreso, cogliendo anche l’opportunità di farlo attraverso l’ascolto dei propri figli. Ed è possibile affermarsi per ciò che si è nel lavoro, chiedere rispetto per la propria individualità nella coppia, soprattutto, utilizzare il dolore come elemento conoscitivo di sé stessi, considerandolo una “zona d’ombra” preziosa per la nostra crescita. A questo punto l’evento imprevisto non scatenerà più il virus della paura ma un “nuovo modo di sentire” che porterà a creare rapporti diversi e migliori con il prossimo.

Solo amando sé stessi in toto, infatti, è possibile amare un’altra persona che sia affine al proprio progetto esistenziale, approdando dall’amore passione che è dipendenza e si sostanzia di vicinanza fisica a quello maturo che è scelta, costruzione, energia. Anche i rapporti con gli altri, più in generale, cessano di essere manipolatori, basati sulla convinzione che “le cose debbano andare come diciamo noi” ma su uno scambio reciproco. Anche perché, un grande problema esistenziale avvertito dal singolo può diventare affrontabile per un gruppo in cui poter rivivere i sentimenti di paura, solitudine, rabbia, trovando di contro rispetto, accoglienza, aiuto come se ci si trovasse in un “nuovo utero”. Superando le “emozioni tradite” si può arrivare alla chiarezza, al ritrovamento della propria interezza, diventando responsabili di sé stessi, una “roccia in mezzo alla tempesta” di una società corrotta, relazionandosi agli altri con una nuova modalità affettiva, non più con la “protervia dell’avere” ma “l’accettazione dell’essere”. L’obiettivo, di conseguenza, non sarà “diventare qualcuno” ma essere sé stessi, quindi “conosci te stesso” e non più “penso dunque sono” semmai “amo dunque sono”, andando al di là dell’io verso rapporti più autentici.

Il terzo passo è, evidentemente, la trasformazione, poiché la vita stessa muta di continuo ed è un passaggio da uno stato biologico preesistente ad uno più maturo ed organizzato: l’uomo nasce perché muore il feto che era, come dal buio dell’utero il bambino si muove verso la luce e da sotto il terreno nasce la pianta. Anche l’uomo che dopo una lunga notte esistenziale scopre chi è, rinasce.

Si vive tutti in un mondo di “non nati” ossia mai usciti dall’utero che coltivano solo odio e rancore mentre, come si diceva, l’umiltà ed il coraggio permetteranno di ritrovare il proprio progetto esistenziale, creando una “nuova bellezza” o “bellezza seconda” (“La bellezza seconda è frutto dell’agire artistico dell’uomo e, una volta creata, non è più sottoposta alla morte né alla legge dell’entropia. Essa è immortale e garantisce l’immortalità a chi la sa creare. Vive nelle opere d’arte, negli archetipi” Antonio Mercurio), oltre il dolore, poiché anche quello del parto è una spinta ad evolversi il cui passo successivo ha come ricompensa il contenimento affettivo madre-figlio o, in questo caso, appunto, la rinascita. Pure la sofferenza per la perdita di una persona cara ed il vuoto che ne consegue può essere affrontato con le medesime armi, quelle che permetteranno di colmarlo con l’amore che ognuno saprà darsi e dare per far rivivere dentro di sé l’energia dello scomparso, ogni istante della propria esistenza, cogliendo l’essenza della vita che quella morte ha saputo risvegliare (“Ogni morte, se accettata per amore, porta alla rinascita, porta alla gioia, porta ad una nuova vita: qualunque sia il nostro morire, se amiamo, noi andiamo sempre verso una nuova vita”).

Uomini e donne dovranno concorrere, con i loro diversi talenti, ad operare tale trasformazione. La donna possiede un’energia ancestrale e cosmica che condensa in sé e che, se sprigionata, può influenzare positivamente le anime di chi la circonda, aiutandole ad evolversi ed emanciparsi, ma deve prima combattere i suoi “demoni interni” quali: l’amore esclusivo e castrante nei confronti dei figli, i sensi di colpa scaturenti dal non riuscire ad incarnare l’ideale di donna, figlia, madre e moglie perfetta, l’invidia del pene che genera competizione con l’uomo e, infine, il senso di vittimismo che prova nei confronti della gelosia e dell’invidia di quest’ultimo verso il suo potere di dare vita e morte. L’uomo, da parte sua, deve superare tale invidia che genera un atteggiamento di distruttività nei confronti della donna, la quale, una volta raggiunta la propria autonomia affettiva, sarà colei che salverà l’uomo, lo libererà dall’amore soffocante materno aiutandolo a riappacificarsi con la propria metà femminile, a superare la paura dell’abbandono ed a raggiungere il proprio progetto di Persona ed anche a riappropriarsi del proprio ruolo di padre, la cui figura è indispensabile per operare la separazione del figlio dalla madre perché possa divenire individuo autonomo.

Uno splendido percorso, quello che Donato Merico ha tracciato in questa sua opera che, con un linguaggio fluido pur nella complessità della costruzione sintattica e nella densità concettuale ed etica dei contenuti, conduce il lettore attraverso una progressiva crescita di consapevolezza, quasi all’interno di se stesso, dalla fonte delle proprie paure e blocchi energetici, all’esplosione dolorosa ma luminosa dell’uscita dal tunnel del narcisismo ferito, alla rinascita libera e gioiosa del Sé. Per concludere con le parole del suo maestro spirituale, Antonio Mercurio: “La meta più difficile dell’arte di amarmi è stata riuscire a diventare consapevole di quanto odio si nascondesse dentro di me, verso la vita e verso me stesso e, dopo averlo scoperto, a capirne la cause profonde e poi smantellarle, una ad una, per prendere decisioni di amore e non di odio”.

Fiorella Ferrari

Merico

Donato Merico, L’Onda capovolta, Città Futura, Maglie (LE), 2016, p. 130, euro 20,00.

 

 

2 commenti su “Donato Merico, L’Onda capovolta,

  1. khalliope
    14 luglio 2016

    Ciao…ti ho nominato per il liebster award. maisenzaunlibro.wordpress.com/2016/07/13/liebster-award-1-evvivaaa/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 11 luglio 2016 da in Libri, Psicologia, Recensioni, Saggistica con tag , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: